Open Architecture su edilizia e cultura cinese

 In Rassegna Stampa

Open Architecture: Huang Wenjing e Li Hu hanno raggiunto la maggiore età come architetti a New York, dopo essersi laureati alla Tsinghua University di Pechino negli anni ’90. Fu lì – mentre Li era da Steven Holl Architects e Huang da Pei Cobb Freed & Partners – che ebbero l’idea di avviare il proprio studio.

Avendo acquisito maggiore esperienza e una comprensione più chiara dell’architettura, i due hanno infine aperto il loro ufficio di Pechino, Open Architecture, nel 2008, l’anno delle Olimpiadi estive di Pechino, su uno degli hutong distintivi della capitale; il loro ufficio è ancora lì oggi.

 

Open Architecture

Il nome Open Architecture è stato ispirato dal tipo di hardware o software per computer open-source che consente uno scambio di componenti semplice, gratuito e personalizzabile. Uno dei primi progetti della coppia, Beehive Dorm, un sistema di costruzione modulare del 2009 realizzato con celle esagonali prefabbricate con struttura in acciaio, potrebbe essere visto come una realizzazione architettonica diretta di questo principio.

Lo studio di Open Architecture si trova in un vecchio hutong di Pechino. Alle pareti ci sono scatti del Tank Shanghai 2019 dello studio e del Pingshan Performing Arts Center di Shenzhen

Il progetto rivoluzionario dello studio è stato il campus Fangshan della scuola superiore; campo vasto, solitamente vuoto, e costruire scuole con ambienti esterni più naturali. “C’è un’enorme richiesta di una migliore istruzione poiché la popolazione sta diventando più benestante e volevamo creare una nuova tipologia per le scuole”, afferma Li.

Il progetto di Open ha collocato le strutture comuni, come la mensa, l’auditorium e la palestra, sotterranee; copre il sito con giardini che arrivavano sui tetti, offrendo una vista della natura agli studenti e al personale nelle aule, nei laboratori e negli uffici.

Questo approccio non convenzionale allo spazio ha ridefinito le varie aree educative formali e informali; ha inoltre portato a un nuovo modo di pensare all’apertura, all’interazione e alla creatività in un ambiente di apprendimento. Con la Qingpu Pinghe International School di Shanghai nel 2020, lo studio ha approfondito il tema trasformando il campus in un villaggio con 13 edifici che si estendono su un sito paesaggistico di 50.350 mq che includeva una biblioteca e un teatro chiamato Bibliotheater, aperto al pubblico . Era una soluzione site-specific alle esigenze locali, come lo sono tutti i loro progetti.

 

La Cina

Quando Open Architecture è stato lanciato, la Cina stava affrontando un’esplosione di sviluppo urbano che ha portato numerose opportunità, anche se questo è andato di pari passo con una buona dose di caos. ‘Al nostro ritorno, abbiamo dovuto riadattarci culturalmente al modo in cui lavoriamo. Eravamo abituati a lottare con la mancanza di definizione e chiarezza in molte situazioni’, ricorda Huang. “Ma poi abbiamo imparato a identificare prima i problemi nel caos e poi a vedere quali erano le possibilità”.

Una sfida unica per gli architetti in Cina è che spesso vengono incaricati di creare un edificio culturale senza conoscerne l’eventuale contenuto e nemmeno la destinazione d’uso. ‘In tandem con il boom economico e la rapida urbanizzazione della Cina, il paese è a un punto in cui abbiamo bisogno di più edifici culturali; c’è una forte spinta dall’alto verso il basso, ma non ci sono ancora abbastanza creatività locali,

Per il Pingshan Performing Arts Center 2019 di Shenzhen, il brief di progettazione era estremamente limitato: era necessario un grande teatro per un distretto di recente sviluppo.

Tuttavia, al contrario, la mancanza di specifiche ha dato agli architetti la libertà di progettare la propria visione dell’edificio; un’istituzione che si collegava con il grande pubblico e arricchiva la vita urbana quotidiana.

Huang e Li hanno studiato i teatri del paese e riunito un team di esperti per mettere in atto uno schema completo; questo sia per la progettazione dell’edificio sia per la sua programmazione futura.

La loro proposta ha avuto un tale successo che è stata adottata dagli operatori del sito una volta che sono subentrati.

 

UCCA Dune Art Museum, 2018

Situato su una spiaggia tranquilla nella baia di Bohai, Qinhuangdao, questa insolita rete di gallerie sotterranee in cemento è stata progettata per preservare il sistema di dune. Fotografia: Architettura aperta, Wu Qingshan
interno del museo delle dune in cina

In qualità di uno dei principali attori di una nuova generazione di architetti cinesi, Open sta ora definendo l’ambiente costruito della nazione alle sue condizioni; comprendendo sia la cultura esistente che il suo potenziale futuro. In quanto pratica basata sulla ricerca, concepisce il suo lavoro lungo due linee parallele che si informano a vicenda; una studia per produrre idee e critiche e l’altra progetta edifici che generino entrate per loro.

Il riutilizzo adattivo è una delle aree di ricerca chiave di Open, come mostra un altro progetto recente. Lungo le rive del fiume Huangpu di Shanghai, ora il West Bund Culture Corridor, c’era un sito fatiscente con cinque serbatoi di carburante per aerei dismessi e altre reliquie dimenticate dell’ex aeroporto della città.

Rendendo omaggio al passato industriale del sito, cercando anche di dissolvere la percezione convenzionale delle istituzioni artistiche con pareti formidabili, nel 2019 hanno creato Tank Shanghai, un centro d’arte con parco all’aperto. I serbatoi sono ora collegati tramite un nuovo seminterrato, mentre due nuovi spazi della galleria si trovano nel paesaggio circostante.

 

Natura

Una vegetazione lussureggiante intreccia i diversi elementi nel sito di 47.450 mq. Chiamato “Super-Surface”, offre un parco tanto necessario in una città con meno del 20% di spazio verde. Da allora il sito ha visto un ritorno della fauna selvatica urbana.

Sopra e sotto, Chapel of Sound, 2021: situata vicino alla Grande Muraglia cinese, questa sala da concerto all’aperto è interamente realizzata in cemento. Le aperture opportunamente posizionate consentono ai suoni di fluire dentro e fuori. Fotografia: Jonathan Leijonhufvud, Z hu Runzi
interoir dell’atrio all’aperto nella cappella del suono in Cina

“Abbiamo avuto problemi a documentare lo spazio perché i fotografi non possono vedere dove si trova l’architettura”, aggiunge Huang. ‘Ma abbiamo inserito alcuni suggerimenti in tutto il paesaggio: c’è un oculo e aperture sui serbatoi che suggeriscono attività; la maggior parte dell’architettura sta accadendo all’interno.’

Un gesto simile può essere vissuto all’UCCA Dune Art Museum del 2018, situato su una spiaggia tranquilla a Qinhuangdao.

Simile a un habitat primordiale, è una serie di strutture simili a grotte collegate sotto le dune di sabbia, ognuna delle quali ospita uno spazio diverso. I lucernari portano la natura nelle strutture sotterranee, che offrono riparo al corpo e all’anima.

I loro progetti hanno molto a che fare con la convivenza con la natura, dice Huang, e uno dei loro ultimi lavori ne è un esempio calzante.

 

Il suono

Estrusa dai resti della Grande Muraglia, la Cappella del Suono del 2021 è una sala da concerto semi-all’aperto situata in una valle disabitata a Chengde.

È stato progettato alla ricerca della più pura esperienza del suono. L’esterno della cappella è un robusto mix di cemento e roccia locale frantumata che sembra ultraterreno e senza tempo; la sua struttura a strati lo rendeva semplice da costruire (e quindi fattibile nella sua posizione remota) mentre faceva eco alle formazioni rocciose striate delle montagne vicine.

La struttura compatta ospita un anfiteatro semi-esterno e un palcoscenico all’aperto, incluso un “altopiano” panoramico che domina la valle e la vicina Grande Muraglia. Nelle parole degli architetti, la sua esistenza è “raccogliere, riflettere e risuonare con la natura”.

Sopra e sotto, Sun Tower, in costruzione. Questa torre alta 50 m a Yantai, sulla costa del Mar Giallo, sarà caratterizzata da un teatro all’aperto e da uno spazio espositivo sinuoso, oltre a una piattaforma panoramica e giochi d’acqua.

 

Sun Tower

Attualmente in costruzione a Yantai, nello Shandong, la Sun Tower è un progetto chiave in arrivo: un monolito con una presenza altrettanto soprannaturale.

La sua forma conica è aperta a fette per creare una struttura semichiusa, i cui piani si collegano a uno spazio espositivo sinuoso da riempire con contenuti digitali. In cima alla torre c’è una distesa che domina gli splendori del mondo naturale; i giochi d’acqua nella piazza sottostante rendono omaggio ai 24 termini solari del tradizionale calendario lunisolare cinese e un canale d’acqua segna gli equinozi.

La Torre del Sole è destinata ad essere un punto di riferimento; Li vuole anche che “evochi gli antichi rituali di adorazione della natura mentre fornisce strutture culturali tanto necessarie nel distretto di recente urbanizzazione”.

Open Architecture cerca di soddisfare le esigenze fisiche, culturali ed estetiche delle persone; evitando gli ostacoli burocratici e finanziari spesso opprimenti che ancora ostacolano lo sviluppo architettonico in Cina. La pratica prospera perché intreccia senza soluzione di continuità benefici sociali nelle sue creazioni.

La coppia conclude: “Speriamo di poter far emergere la natura multiforme della Cina. Quello che abbiamo capito è che le persone hanno molte più somiglianze che differenze nel modo in cui vogliono che sia la loro vita.’

 

Leggi l’articolo originale

 

Post suggeriti
Architettura e graphic design - Tommaso Vecci architetto - FirenzeIn preparazione al 700° anniversario di Vilnius - Tommaso Vecci architetto Firenze